Post più popolari ultima settimana

venerdì 8 dicembre 2017

Fondazione Arena: Toto nomine per Cdi e Sovrintendenza - Rassegna Stampa - 3 dicembre 2017 (Corriere di Verona)


Arena, da Orazi a Meli e Terracini Sovrintendenza, primi curriculum
Polemici i tosiani sull’extra lirica: «Ma qual è il ruolo di Mazzi?»

3 dicembre 2017

Le nomine: Il nuovo Consiglio di Indirizzo della Fondazione Arena sarà composto dal presidente (il sindaco) e altri 4 membri: uno per il Comune, uno per la Regione (Maistrelli, c’è già) e uno per il governo

L'Anfiteatro - L'ultimo allestimento del Nabucco in Arena
durante il festival lirico estivo (archivio)
Ore febbrili in Fondazione Arena. Palazzo Barbieri ha annunciato che il nuovo Consiglio d’Indirizzo è praticamente fatto: i due rappresentanti del Comune sono già stati scelti dal sindaco, hanno dato il loro assenso e saranno nominati prima del 23 dicembre (scadenza di mandato del sovrintendentecommissario, Giuliano Polo). Per la sovrintendenza, gran favorito lo stesso Polo, con Cecilia Gasdia direttore artistico. Ma per il primo e più importante incarico sarebbero disponibili anche altre candidature. Con curriculum di rilievo. Ci sarebbero tra gli altri quelli dell’ex sovrintendente areniano Claudio Orazi (2002-2008), dell’ex sovrintendente della Scala di Milano Mauro Meli, del direttore artistico dell’Opera Australia, Lyndon Terracini.

E intanto è polemica anche sull’extra lirica. Risultano già in arrivo Claudio Baglioni in aprile, Jovanotti e Sam Smith in maggio, i Deep Purple il 18 luglio. "Il sindaco aveva promesso che luglio e agosto sarebbero stati riservati solo all’opera lirica – ricorda il capogruppo tosiano Alberto Bozza – ma non ci pare s’intenda mantenere la promessa. E poi – aggiunge – piacerebbe sapere chi stila questo cartellone: ormai da più fonti ci giunge notizia che Gian Marco Mazzi (l’ex direttore artistico del Festival di Sanremo che già collaborava con Girondini agli albori di Arena Extra ndr) da tempo stia incontrando i vari produttori  artisti nazionali e internazionali, di spettacoli proprio sulla programmazione in Arena. Ma che ruolo ha Mazzi? Qual è l’incarico che ha ricevuto? E quando Mazzi incontri i produttori per parlare di produzioni o spettacoli in Arena e a Verona il Comune è tutelato da un patto di riservatezza? Su questo – conclude Bozza – chiederemo lumi nelle apposite sedi».

Sul tema interviene anche Michele Bertucco, secondo il quale «l’indicazione del rappresentante comunale nel Consiglio di Indirizzo deve seguire criteri di reale competenza e professionalità e non cedere, come ha già fatto la Regione, ai soliti criteri di fedeltà politica. Per quanto riguarda il sovrintendente, - afferma Bertucco - il metro di paragone è dato dai risultati già ottenuti dal sovrintendente Polo che ha saputo risollevare la Fondazione dall’azione demolitoria di Tosi e Girondini».

Lillo Aldegheri

6 commenti:

  1. La Gasdia come direttore artistico? Ma non è già molto impegnata con un'accademia di canto e di composizione? Immagino che impegni per benino una cosa del genere con conseguente indisponibilità di tempo per essere sempre presente alla direzione artistica! !Quindi assenze su assenze.
    Ammesso che il tempo lo trovi si spera che abbia pensato a grandi progetti per rifare il trucco all'Arena! O sarà la solita presenza pregiata e arcinota al fine di tenere alto il profilo ma che non cambierà proprio niente.

    RispondiElimina
  2. Certo che tosi e i suoi hanno la memoria molto corta!!!! Hanno già dimenticato lo scempio fatto da tosi,girondini, mazzi con gli spettacoli extralirica che impedivano anche il regolare svolgimento delle prove della stagione areniana!! Che vergogna!

    RispondiElimina
  3. I programmi del prossimo anno, 2018, credo siano già stati programmati quando Sboarina non era ancora sindaco della città, quindi i concerti dell'estate prossima, Baglioni e company, non credo dipendano da lui e dalla sua volontà! Perchè fanno programmazioni di 2 anni in 2 anni.
    Sarà invece nel 2018 che vedremo quale grande cambiamento offriranno alla città e al mondo intero! Speriamo non ci siano solo dei nomi conosciuti e zero novità!! Un nome vip, da solo, non serve a niente se non sa dare una vera svolta.

    RispondiElimina
  4. Non credo che i concerti dipendano dal sindaco perché i programmi vengono fatti di 2 anni in 2
    anni, quindi precedenti al suo insediamento.
    Quello che sarà importante, invece, sarà il 2019: da quell'epoca, tutto dovrà cambiare.
    Attendiamo!!! Augurandoci, soprattutto, di vedere ancora Polo come sovrintendente.

    RispondiElimina
  5. L'estate del 2018 è già stata programmata!!
    Il sindaco si riferiva sicuramente all'estate 2019. Lillo Aldegheri dovrebbe saperle queste cose.

    RispondiElimina
  6. Mi dispiace ma devo apporre rettifica:Orazi non ha mai partecipato nè mandato il CV per la selezione all'Arena di Verona, anche perchè era a disposizione per il Teatro Verdi di Trieste

    RispondiElimina